• Pubblicata il
  • Autore: Michele
  • Pubblicata il
  • Autore: Michele

L'amica di famiglia - Crotone Trasgressiva

Ho sempre desiderato possedere una donna più grande di me, anche molto più grande di me, perchè credo che la vera femminilità si possa trovare dopo i 40...
Questo fin da quando ero bambino; vedere la zia con quelle tettone da urlo mi faceva perdere la testa, ma ero alle prime armi, e come tutti i bambini le fantasie si fermavano li. Oggi ho 25 anni, i miei desideri sono diventati sempre più forti...
Ho cercato una complicità nella maggior parte delle donne che portavano il proprio bambino a scuola calcio da me per l'allenamento, senza però esserne convinto davvero. In realtà non credevo potesse succedere e invece....

E invece il mio cercare finalmente trovò risposta, e non fuori da casa mia, bensì da colei che aiutava i miei genitori nell'attività di famiglia. La conosco da sempre, praticamente mi ha visto crescere: separata con due figlie ventenni, 42 anni, classica donnina che ha tutto della porca, piccola, capelli lisci scuri, non tanto bella, con due tette da far invidia a qualsiasi venticinquenne e quel fare da troia che mette i brividi.
Mi accorsi che potevo avere qualche possibilità tutte le volte che magari eravamo in cantina insieme e lei con fare da ragazzina si chinava magari per raccogliere delle bottiglie mostrandomi volontariamente il perizoma una volta rosso, una volta nero...
Capii che dovevo farmi coraggio, il sogno era li davanti a me e dovevo solo osare. L'occasione arrivò quando nel lavare dei bicchieri ci mettemmo a giocare con l'acqua; avevo le mani bagnate e lei con fare del tutto disinvolto me le prese appoggiandomele sulle sue enormi tette! Non potevo sperare di meglio, mi aveva chiaramente detto fai tutto quello che hai sempre sognato! Il tutto reso eccitante dal fatto che eravamo nel retro del bar, con la porta aperta e con la possibilità che potesse entrare qualcuno....

Ero talmente eccitato che le sollevai la maglia e misi la mia testa tra quelle tette che tanto avevo sognato. Le tirai giù il reggiseno e iniziai a succhiarle i capezzoli che nel frattempo erano diventati duri. Poi la girai e di spalle con una mano le tenevo un seno mentre l'altra la infilai nei jeans e sotto il perizoma...era tutta bagnata e slabrata, di cazzi ne aveva presi tanti me ne accorsi subito. Mi eccitai ancora di più, iniziai a toccarla prima con un dito, poi con due più violentemente e mentre i suoi gemiti contenuti continuavano mi accorsi che aveva un sorriso da porca in faccia come per dirmi adesso ti faccio vedere io...
Purtroppo fummo interrotti da un cliente entrato nel locale. Il tempo di riordinarci e senza dare nell'occhio e la cosa finì li, ma non per molto...

Si perchè ci mettemmo d'accordo di vederci a casa sua, una sera che le figlie non c'erano, per continuare quello che avevamo interrotto. Non potevo chiedere di più. Aspettai con ansia quel messaggio che puntualmente arrivò verso l'una di un Martedì sera. Mezz'ora di macchina ed ero da lei. Mi aprì la porta nascosta sull'uscio....
Quando entrai vidi qualcosa che mi lasciò senza fiato: mi stava aspettando in autoreggenti nere, perizoma, tacchi a spillo e baby doll rosso... capelli tenuti insieme da una fascia e sorriso da chi sa che sta per essere aperta in due da un giovanotto con un cazzo di ferro. Non feci a tempo a salire le scale che portavano alla camera da letto che a metà mi chinai per leccargliela, non ce la facevo più, ero eccitatissimo. Spostai il perizoma e inizia a lavorare con la lingua; lei per farmelo fare meglio alzò una gamba fino ad appoggiarla alla ringhiera, mi sembrava di essere appena entrato sul set di un film porno. Non voleva che smettessi ma la mia brama di possederla era troppa, così mi alzai e andammo in camera. Bhe li tutti i sogni si realizzarono....

Iniziò a spogliarmi mentre le lingue si attorcigliavano. Sentivo il mio cazzo esplodere e anche lei lo sentiva dal momento che dalle scale alla stanza mi prese proprio per il cazzo. Mi fece sedere su un piccolo divano e mi salì a cavalcioni. Le mie mani erano su di lei ovunque...sentivo una figa calda e pelosa, come me la ero sempre immaginata, e mentre la toccavo si tolse il baby doll sbattendomi quelle enormi tettone in faccia. Aveva voglia di farsele leccare era chiaro, e io non esitai un attimo. Mi mancava il respiro talmente stavo godendo con quei capezzoli in bocca. Si accorse di questo e dopo poco mi disse..."ti piace? ed è solo l'inizio!"...scese dalle mia ginocchia e davanti a me mi sfilò i pantaloni con fare esperto. Prese il mio cazzo con entrambe le mani e iniziò a farmi un pompino... mentre sentivo la sua bocca calda che mi avvolgeva lei mi guardava negli occhi, voleva sapessi che era la mia troia! E io le lasciai fare, si contorceva attorno al mio cazzo, lo voleva dentro di se....
La presi di forza, la misi sdraiata sul divano e dopo averle divaricato al massimo le gambe iniziai a far passare la mia lingua su e giù... godevo come non mai e anche lei godeva; la mia lingua dava dei colpetti ritmati e nei punti dove vedevo che le piaceva di più. Scesi fino al suo ano, che mi accorsi non essere di certo vergine.
Questo a lei non bastava, voleva farmi vedere quanto era troia, così si alzo in piedi sul divano e mi mise la figa in faccia, tenendosela con due mani ben aperta, in modo che potessi leccargliela meglio. Nel frattempo non riuscivo a non farmi una sega, era troppo eccitante!
Scese dal divano, e ancora con tacchi a spillo e autoreggenti mi chiese di scoparla fino a farla impazzire. Io non chiedevo altro, inizia a possederla, il mio cazzo non era mai stato così duro... alternavo le penetrazioni con dei meravigliosi pompini. Vedevo lei che mentre me lo leccava con due dita si masturbava e la cosa mi faceva impazzire. Non ci volle molto per farmi venire... con il mio cazzo in bocca le chiesi se potevo venirle in faccia e lei mi disse che voleva bere ogni goccia... la inondai di piacere!
Poi continuammo per altre due ore a stuzzicarci, e mentre eravamo intenti in un fantastico 69, le inizia a stimolare il buco del culo, prima con un dito, poi con due, fino a masturbarla anche dietro. A lei sembrava piacere al punto che mi chiese di sfondarle il culo! Si mise a 90 e apri le natiche per farmi entrare meglio. Non era la prima volta per lei, si vedeva, e infatti il mio cazzo penetrò fino in fondo come se fosse la figa. Mi accorsi che stavo per venire di nuovo.... lei si girò, prese il mio cazzo in bocca e iniziò a segarmelo per farmi venire. Di nuovo mi stava facendo impazzire di piacere....

Era tardi, era ora di rientrare a casa. Ci rivestimmo come due amanti con una relazione segreta che durava da anni. La salutai e le diedi appuntamento al giorno dopo al bar dei miei...

Ad oggi il desiderio di avere rapporti con donne di molto più grandi di me è solo aumentato! Dopo un'esperienza del genere chi torna più alle ventenni?

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!
26/09/2011 20:08

latino_010

le 40 enni sono le migliori e poi sono delle grandi maialine :-)

26/09/2011 09:30

ROSSIP199

É successo anche a me, quando avevo 19anni,mi ha cambiato la vita,fantastico

24/09/2011 20:50

sanico64

bella storia bravo molto eccitante e poi le 40enni sono imigliori e meglio se troie

02/06/2012 16:12

Bambinavogliosa

Peccato che sono piccola altrimenti ti avrei fatto vedere io...

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati